LUM
Notizie

Notizie e novità dalla School, dal mondo LUM e dall’universo del business e management

22 ottobre 2018

La School of Law presenta l’Executive Master EMPRI

Il Master EMPRI sarà presentato nel corso di un Convegno presso l'Aula Consiliare dell’Ordine degli Avvocati di Bari

Per effetto delle nuove regole dell’Unione europea (Regolamento n. 2016/679), che hanno sostituito il Codice della Privacy (D.lgs. 196/2003), le imprese di determinate dimensioni e tutte le pubbliche amministrazioni devono dotarsi di una nuova figura organizzativa: il Responsabile della protezione dei dati personali o consulente della privacy. Si tratta di un professionista con conoscenze specialistiche della normativa e delle prassi in materia di protezione dati, che può rapportarsi all’azienda o all’ente in qualità di consulente oppure di dipendente/collaboratore interno.

Sarà questo l’oggetto principale del Convegno che, nell’ambito della presentazione del Master Executive per Responsabili della Protezione e operatori del trattamento dei dati personali dalla School of Law della LUM Jean Monnet, si terrà venerdì 26 ottobre 2018 alle ore 12:00 presso l’Aula Consiliare dell’Ordine degli Avvocati di Bari (VI piano del Palazzo di Giustizia). Del resto, devono adeguarsi anche gli Ordini professionali, come l’Ordine degli Avvocati, quale Ente Pubblico non economico.

L’incontro, pertanto, si propone di introdurre il quadro della normativa in materia di trattamento dei dati personali, alla luce delle Linee Guida del nuovo Regolamento europeo, analizzandone gli impatti applicativi, organizzativi e gestionali. Aspetti, questi, tanto più importanti alla luce del Decreto di adeguamento del Codice della Privacy al GDPR (il D.Lgs. 2018, n. 101) che, considerata anche la previsione del carico sanzionatorio previsto per i soggetti che non si adeguano, rende la materia tanto delicata sul piano giuridico quanto strategica su quello economico. Insomma, come ha affermato il Garante della Privacy e come dimostrano i recenti orientamenti giurisprudenziali, “non ci sono più alibi per le aziende. Le regole sono complete e l’arbitro può fischiare il calcio d’inizio”.